ROSETO DEGLI ABRUZZI E DINTORNI

Separator Skin

Città delle rose

Montepagano

Separator Skin
montepagano

Montepagano Sorge su una collina che sovrasta la famosa località balneare di Roseto degli Abruzzi.
Le sue origini risalgono al medioevo quando, per paura dei Turchi, gli abitanti dei villaggi circostanti si rifugiarono sulle alture e costruirono nuovi insediamenti.
Da vistare senza dubbio; il Castello, arroccato sulla collina di Roseto da cui è possibile scorgere un mozzafiato vista mare, la Porta da Borea uno dei resti più importanti dell’imponente cinta di mura medievale e la chiesa della Santissima Annunziata risalente al 1602.
Il monumento simbolo di Montepagano è di sicuro il Campanile che si innalza per 40m sulla Piazza Centrale.

La manifestazione più conosciuta di Montepagano è senza dubbio la Mostra dei vini: organizzata durante la prima settimana di agosto. Fiore all`occhiello di Roseto degli Abruzzi è invece il torneo di basket “Trofeo Lido Delle Rose: nato nel 1945 detiene il titolo di più antico torneo estivo d`Europae forse del Mondo. Nel borgo si svolgono anche altri eventi sportivi come, manifestazioni di pattinaggio, tappe internazionali di beach volley e campionati di pesca d`altura.

 

Atri

Separator Skin
atri

Atri è un’incantevole città d’arte con origini antichissime (VII-V secolo a. C.). Fu’ un’importante colonia in epoca romana e subì invasioni barbariche e dominazioni straniere durante il Medioevo, per poi “rinascere” definitivamente sotto il controllo dei signori d’Acquaviva.

E’ proprio il cuore della cittadina a trasmettere il fascino della sua lunga storia attraverso monumenti, palazzi storici, chiese, musei e scorci suggestivi, tutti tasselli dello splendido mosaico che Atri offre ai suoi visitatori.

La principale attrazione è sicuramente la Cattedrale di Santa Maria Assunta datata 1285 e recentemente ristrutturata. Al suo interno è possibile ammirare affreschi risalenti al 1300 d.c. e mosaici risalenti all’epoca Romana. Mentre  il Palazzo vescovile ed il Seminario adiacenti appartengono alla fine del Cinquecento. Nell’esposizione museale del Palazzo Vescovile sono conservate preziose reliquie, tra cui maioliche dipinte, croci e pastorali d’avorio, d’argento, e codici miniati. Cinquecento.

Proprio di fronte alla Cattedrale è presente un elegante teatro perfettamente conservato, l’ottocentesco Teatro comunale detto anche la “bomboniera” per le sue dimensioni (300 posti) e dall’acustica sublime

Andando più avanti nella sua maestà sorge Palazzo Ducale degli Acquaviva, fortezza tutta in pietra, edificata nella prima metà del Trecento e rimaneggiata nel ‘700 dove all’interno è possibile ammirare un cortile di epoca rinascimentale circondato da un loggiato con iscrizioni e resti romani.

La Riserva Naturare dei Calanchi è un’area protetta caratterizzato da un ambiente molto vario, che rapisce lo sguardo del visitatore. I calanchi sono vere e proprie “sculture naturali” nate dalla millenaria erosione del terreno argilloso, all’interno dei suo solchi che cadono a strapiombo verso il basso, con un po’ di accuratezza è possibile rinvenire all’interno fossili marini, testimonianza dei continui cambiamenti morfologici durante i millenni.

 

PINETO E AREA MARINA PROTETTA

Separator Skin
PImeto

Pineto viene definito un angolo di paradiso.
E’ una piccola Cittadina della riviera adriatica abruzzese e deve il suo nome alle lussureggiante pineta che costeggia il mare per più di 4 chilometri.

La storia del paese iniziò nel 1920 grazie alla famiglia Filiani di Atri.
Questa illustre famiglia atriana possedeva nella località, all’epoca quasi spopolata, una villa, oggi conosciuta ancora oggi come Villa Filiani.  Fu proprio loro l’iniziativa di realizzare un piano di lottizzazione volto a far sorgere una ridente cittadina balneare. Iniziarono quindi a progettare una pineta litoranea, attraverso il rimboschimento di 2000 pini che costeggiano la spiaggia.  Questo rende oggi Pineto un posto unico nel suo genere.
Sempre nel territorio comunale, si può ammirare la Torre di Cerrano, una torre di avvistamento pirati, e nelle acque limitrofe l’antico porto di origini romane che fu’ molto importante per il commercio marittimo dell’Abruzzo, fu  distrutto dalla repubblica di Venezia insieme a quasi tutti i porti adriatici.  Ma la Torre rimane uno dei fortilizi costieri meglio conservati dell’intera riviera abruzzese ed attualmente ospita la sede di un centro di biologia marina. .

Proprio ai suo piedi  troviamo la spiaggia dell’Area Marina Protetta del Cerrano, un angolo incontaminato d’Abruzzo, nata il 7 Aprile 2010 e si estende fino a 3 miglia nautiche dalla costa e si sviluppa per 7 km. Lo specchio di mare antistante la Torre del Cerrano è costituito da fondali sabbiosi così come tutto il resto della costa pinetese e fondali rocciosi le cui scogliere di fondo sono determinate dai massi semisommersi dell’antico porto romano.

 

IL PARCO NAZIONALE GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA

Separator Skin
abruzzo-montagna-gran-sasso-parco-nazionale-640x354

Il Parco Nazional del Gran Sasso e monti della Laga è localizzato nel cuore dell’Appennino e si estende sul territorio di tre regioni: l’Abruzzo, il Lazio e le Marche.

 La catena più maestosa è quella del Gran Sasso, con la vetta appenninica più elevata, il Corno Grande (m. 2912), alla cui base è sopravvissuto il Ghiacciaio del Calderone.

Uno dei simboli del Parco è il Camoscio appenninico, ma sono presenti anche altri rilevanti animali protetti come Cervo e Capriolo, ed il loro predatore per eccellenza, il Lupo appenninico.

Non è difficile inoltre ammirare anche rapaci molto rari come: l’Aquila reale, il Falco pellegrino e il Gufo reale che quotidianamente sovrastano le cime delle maestose montagne.

Con un po’ di fortuna e attenzione potrete incappare durante il cammino nell’orso bruno marsicano che in estate si aggira per la flora boschiva.

La vegetazione è ricca di cascate e  foreste che immergono il visitatore in un oasi di pace e tranquillità.

Ai piedi del Corno Grande è possibile poi scorgere il paesello di Campo Imperatore, definito il “piccolo Tibet” del parco, per la sua caratteristica conformazione di case arroccate sui pendici del monte.

Ma moltissimi sono i  borghi ben conservati che si mischiano alla natura insieme a chiese, abbazie e castelli, grotte, necropoli e templi che dalla preistoria e dall’epoca romana sono giunti a noi carichi di mistero e di fascino.

http://www.gransassolagapark.it

 

 

ROCCA CALASCIO

Separator Skin
roccacalascio

Rocca Calascio è uno dei castelli più suggestivi d’Abruzzo, si erge ad un’altezza di 1460 metri sopra il livello del mare, immerso nel cuore nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti alla Laga. Fu costruito da re Ruggero d’Altavilla per avvistare e neutralizzare l’arrivo dei nemici. Fu, costruito interamente in pietra bianca e venne restaurato tra il 1986 e il 1989.

Poco prima della restaurazione il castello è divenuto famoso in tutto il mondo grazie al film Ladyhawke di Richard Donner (1985), con Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick, ma il castello di Rocca Calascio è stato set di numerose altre pellicole, tra cui Il nome della rosa (1986), Il viaggio della sposa (1997) e più recentemente The American (2010) con George Clooney.

Il castello è visitabile gratuitamente. Vi consigliamo anche di andare a sud ovest della Rocca, in cui è situato il borgo, dal quale si accedeva al castello tramite un ponte levatoio. Molto bella è anche la chiesa di Santa Maria della Pietà, un tempio eretto nel 1596 per festeggiare la popolazione locale che riuscì a sgominare una banda di briganti.

Natura, storia, bellezza e anche una serie di riferimenti di cultura pop che non guastano, per una gita fuori porta che ricorderete a lungo.